Tu sei qui

Avvisi

Novità normative in materia di protezione sui Marchi

E’ entrato in vigore il 23 marzo scorso il d.lgs. 15/2019, di attuazione della Direttiva UE n. 2015/2436 in materia di marchi d’impresa.

Alcune delle principali novità:

  • abolizione del requisito della rappresentazione grafica dei marchi: sarà adesso possibile registrare anche segni che non possono essere rappresentati graficamente, purché siano in grado di distinguere i prodotti o servizi di un’impresa  e di essere rappresentati in modo chiaro e preciso, per consentire alle autorità competenti ed al pubblico di determinare l’oggetto della protezione conferita al titolare;
  • introduzione dei marchi di certificazione, che si affiancano, con alcune differenze, ai marchi collettivi, a garanzia dell’origine, della natura o della qualità di determinati prodotti o servizi;
  • previsione di impedimenti assoluti alla registrazione per conflitto con DOP o IGP, menzioni tradizionali per i vini o specialità tradizionali garantite;
  • estensione della protezione del marchio, con la possibilità, per il titolare, di difendersi da atti preparatori alla contraffazione, vietando l’apposizione del marchio, oltre che sul prodotto o sulla confezione, anche su imballaggi, etichette, cartellini, dispositivi di sicurezza o autenticazione o componenti degli stessi, o su altri mezzi su cui il marchio può essere apposto, e di richiedere la procedura di sequestro alla frontiera anche in caso di mero transito, a condizione che il titolare disponga di un’esclusiva sia nel Paese europeo in cui le merci vengono presentate in dogana sia in quello di destinazione finale;
  • protezione nel caso di riproduzione del marchio in dizionari, enciclopedie o opere di consultazione, sia in formato cartaceo che elettronico, con modalità tali da dare al pubblico l’impressione che esso costituisca il nome generico di prodotti o servizi;
  • nuove regole in materia di decadenza per non uso e onere della prova dell’uso effettivo del marchio negli ultimi 5 anni;
  • introduzione di una procedura amministrativa per l’accertamento della decadenza o la dichiarazione di nullità di un marchio d’impresa, per la quale tuttavia sarà necessario attendere la pubblicazione di un decreto attuativo del Ministero dello Sviluppo Economico.

Si tratta di una serie di importanti novità, alle quali la Camera di Commercio dedicherà prossimamente dei momenti di approfondimento.

----------

Attenzione alle richieste di pagamento per Marchi e Brevetti

Pervengono quotidianamente segnalazioni da imprese della provincia di Verona che hanno ricevuto comunicazioni con richieste di pagamento da soggetti estranei alla Camera di Commercio, con riferimento a marchi depositati.

Le comunicazioni (simili a quelle qui allegate) contengono di solito l'invito alle aziende a versare un corrispettivo per l'inserimento del proprio marchio/brevetto in pubblicazioni varie o banche dati online.

Si tratta di proposte rispetto alle quali la Camera di Commercio invita ad essere prudenti: queste comunicazioni nulla hanno a che fare con i servizi offerti  dall'UIBM (Ufficio italiano Brevetti e Marchi), dall'EUIPO (Ufficio dell'Unione Europea per la Proprietà Intellettuale), dal WIPO (World Intellectual Property Organisation) o dagli uffici della Camera di Commercio. Queste Istituzioni non inviano offerte simili, né richieste di pagamento per la registrazione o pubblicazione di marchi d'impresa.

Si raccomanda pertanto di usare la massima cautela nel sottoscrivere qualsiasi documento e di non effettuare alcun versamento di denaro prima di aver letto attentamente le clausole contrattuali proposte. Un elenco delle richieste più diffuse è pubblicato dal WIPO alla seguente pagina: http://www.wipo.int/pct/en/warning/pct_warning.html.

In caso di dubbio, invitiamo a inoltrare alla Camera di Commercio (all'indirizzo brevetti@vr.camcom.it) le richieste ricevute, al fine di valutare eventuali segnalazioni della pratica scorretta all'Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato, che ha messo a disposizione delle imprese un utile Vademecum dal titolo "IO NON CI CASCO! Bollettini e moduli ingannevoli"

----------



7/12/2017 - Marchi +3 Agevolazioni alle imprese per la registrazione di marchi dell'Unione Europea e internazionali

Pubblicato un nuovo bando finalizzato a supportare le imprese di micro, piccola e media dimensione nella tutela dei marchi all’estero attraverso alcune misure agevolative che mirano a sostenere la capacità innovativa e competitiva delle imprese.

Il programma - in favore del quale è destinato un finanziamento complessivo di € 3.825.000,00 - prevede due linee di intervento:

- Misura A - Agevolazioni per favorire la registrazione di marchi presso EUIPO (Ufficio dell’Unione Europea per la Proprietà Intellettuale)

- Misura B - Agevolazioni per favorire la registrazione di marchi internazionali presso OMPI (Organizzazione Mondiale per la Proprietà Intellettuale)

I costi finanziabili comprendono la progettazione del marchio, le ricerche di anteriorità, l'assistenza per il deposito, le tasse di deposito e le eventuali spese legali sostenute nel corso dei procedimenti.

Le domande di agevolazione possono essere presentate a partire dalle ore 09:00 del 7 marzo 2018  e sino all’esaurimento delle risorse disponibili.

Per tutte le informazioni, consultare il sito www.marchipiu3.it

 

 

La Camera di Commercio riceve:

  • domande di brevetto nazionale per invenzione industriale, modello di utilità;
  • domande per la registrazione di un marchio nazionale, internazionale e loro rinnovazione e registrazione di disegni e modelli ornamentali o serie ornamentale;
  • traduzione di brevetti europei;
  • ogni atto che riguarda modificazioni alla domanda originaria di marchio o brevetto (trascrizioni, ricorsi, istanze varie).

Provvede inoltre al rilascio degli attestati dei brevetti concessi dall'U.I.B.M..

Deposito online

Il deposito telematico delle domande di brevetto per invenzioni industriali e modelli di utilità, delle domande di registrazione di disegni e modelli e marchi d'impresa, delle istanze connesse a dette domande e dei rinnovi dei marchi può essere effettuato attraverso il portale di servizi online dell'Ufficio Italiano Brevetti e Marchi (U.I.B.M.).



La Camera di Commercio non è in grado di dare informazioni o assistenza per il deposito online. Per questo è necessario contattare direttamente l'UIBM:

Portale di servizi online: https://servizionline.uibm.gov.it

Contatti per l'assistenza al deposito telematico:

Servizi informativi: hd1.deposito@mise.gov.it

Telefono : 06 4705 5602 dal lunedì al venerdì, esclusi i festivi.

Deposito cartaceo

Per l'invio della modulistica e delle istruzioni, si prega di mandare una mail di richiesta all'indirizzo brevetti@vr.camcom.it specificando il tipo di brevetto (ovvero MARCHIO, INVENZIONE INDUSTRIALE, MODELLO D'UTILITA' O MODELLO ORNAMENTALE).

L'ufficio provvederà ad inviare:

  • moduli delle domande da utilizzare; 
  • istruzioni per la compilazione delle domande e per i pagamenti;
  • procedura di controllo formale da seguire prima di ogni deposito;
  • siti delle banche dati ufficiali per la ricerca della novità / anteriorità a livello nazionale, comunitario ed internazionale.

Si prega di indicare sempre un recapito telefonico per eventuali comunicazioni.

Avvertenza - Sistemazione formale preventiva delle domande prima di ogni deposito.

Prima del deposito cartaceo della domanda di registrazione e di ogni altra istanza all'ufficio Marchi e Brevetti della Camera di Commercio, si prega di inviare (via mail brevetti@vr.camcom.it) la modulistica compilata, in modo che l'ufficio possa procedere alla verifica della corretta compilazione e ad eventuali correzioni formali; cioò al fine di evitare errori o imprecisioni nell’invio delle domande al Ministero dello Sviluppo Economico - Ufficio Italiano Brevetti e Marchi.

ELENCO degli ALLEGATI da inviare all'indirizzo e-mail brevetti@vr.camcom.it:

  • DOMANDA DEPOSITO MARCHIO E/O BREVETTI, istanze, dichiarazioni, verbali istanze (in formato PDF Editabile, non in altri formati);
  • riproduzione del MARCHIO in formato JPG, nei colori indicati nella domanda;
  • NUMERO DI TELEFONO per eventuali comunicazioni.

Successivamente alla restituzione al richiedente (via email) della modulistica sistemata formalmente, si prega di contattare l'ufficio per concordare un appuntamento per il deposito .

Le domande di deposito dei marchi d'impresa e dei brevetti per invenzione, modello di utilità e disegni e modelli possono essere anche spedite via posta raccomandata A/R direttamente all'U.I.B.M. (Ufficio Italiano Brevetti e Marchi) - Via Molise 19 - 00187 Roma

Costi e modalità di pagamento

I costi per il deposito delle singole domande sono indicati nelle istruzioni per il deposito per ciascuna tipologia (vedi GUIDE E MANUALI).

versamenti dei diritti di deposito delle domande e istanze vanno effettuati solamente tramite modello "F24 Versamenti con elementi identificativi" ed "F24 Enti pubblici" solo per gli Enti pubblici; il modello viene rilasciato al momento del deposito e riporta il numero del deposito e l'importo da versare. Sul mod. "F24 Versamenti con elementi identificativi" deve essere riportato il codice fiscale del soggetto depositante seguito senza interruzioni dalla lettera A; nel caso di compilazione di più righe, si utilizzano lettere diverse in relazione a ciascuna riga (es. prima riga dopo il codice fiscale lettera A, seconda riga dopo il codice fiscale lettera B, terza riga dopo il codice fiscale lettera C e così via).

versamenti dei diritti di segreteria a favore della Camera di Commercio di Verona possono essere effettuati:

  • su c/c postale n. 212373, intestato a Camera di Commercio di Verona - Ufficio Brevetti
  • ovvero con bonifico bancario intestato a Camera di Commercio di Verona, presso Banco Popolare di Verona - Verona Ag. 1 Corso Porta Nuova, 4 Verona - codice IBAN IT 69 F 05034 11702 000000002063, causale "diritti di segreteria marchi/brevetti".

Mantenimento in vita dei brevetti

Il pagamento dei diritti per il mantenimento in vita dei brevetti per Invenzione Industriale, Modello di Utilità e Disegni o Modelli va effettuato SOLAMENTE  tramite modello "F24 Versamenti con elementi identificativi" ed "F24 Enti pubblici" solo per gli Enti pubblici

Invenzione industriale - ha validità per 20 anni; la tassa di mantenimento in vita è  annuale e va pagata in anticipo dal 5° anno successivo al deposito entro il mese dell'avvenuto deposito.

Modello di utilità - ha validità per 10 anni; la tassa di mantenimento in vita è quinquennale e va pagata in anticipo al 5° anno successivo al deposito entro il mese dell'avvenuto deposito.

Disegno e Modello - ha validità 25 anni; la tassa di mantenimento in vita è quinquennale e va pagata in anticipo ogni quinquennio successivo al deposito entro il mese dell'avvenuto deposito. 

Il costo di ciascuna annualità aumenta con il numero degli anni. 

Si considera come data effettiva del pagamento unicamente quella riportata nel modello "F24 Versamenti con elementi identificativi" ed "F24 Enti pubblici" solo per gli Enti pubblici.

In caso di ritardo va corrisposta la sovrattassa a titolo di mora entro l’ultimo giorno utile del semestre successivo.

Se l’annualità non viene pagata nei termini il brevetto decade e con esso il diritto del titolare al suo utilizzo esclusivo.

Chiunque può provvedere al pagamento dell'annualità dovuta.

Possono effettuarsi più pagamenti anticipati ma solo nel caso in cui gli stessi si riferiscono allo stesso brevetto.

La quietanza di pagamento dei diritti relativi al mantenimento in vita deve essere conservata.

Tabella importi ed istruzioni per il pagamento delle annualità 

 

 

Ti è stata utile questa pagina?

Contenuto aggiornato al: 10 Aprile 2019

Per informazioni

Ufficio Mediazione e Arbitrato / Marchi e Brevetti
IV piano
Orari: 
Lun-Ven 9:00-12:00
Tel: 
045/8085709-806
Fax: 
045 8085907
E-mail Ufficio: 
brevetti@vr.camcom.it