Tu sei qui

Marchi, cambiamenti per i collettivi, brexit senza incertezze. Le Doc e Docg diventano Marchi di Certificazione. Novità anche per i marchi registrati in Uk in vista della Brexit

Verona, 8 ottobre 2019 – Brexit e marchi d’impresa, certezze in tempi incerti. Oggi in Camera di Commercio sono state presentate le novità introdotte dall’Ufficio Marchi Britannico in vista della Brexit, deal o no-deal.

E’ stato inoltre presentato il nuovo regolamento marchi dell’Unione Europea che va a impattare soprattutto sui marchi collettivi come quelli relativi ai vini Doc e Docg e ai prodotti alimentari Dop che diventano marchi di certificazione.

“Abbiamo fornito – spiega Riccardo Borghero, Dirigente Affari Economici della Camera di Commercio di Verona -  una panoramica delle differenze tra la disciplina dei marchi collettivi e dei marchi di certificazione, già presenti nella normativa europea ed introdotti, da quest’anno, anche nell’ordinamento italiano. Questo perché le nuove norme hanno previsto un termine, che scadrà il prossimo 23 marzo, per la conversione dei marchi collettivi attualmente registrati in Italia o in marchi di certificazione o in marchi collettivi “nuovi”. La conversione, anche mantenendo la qualificazione come marchio collettivo, dovrà essere obbligatoriamente fatta dai titolari entro il termine fissato, a pena di decadenza del marchio”.

Poi, visto l’approssimarsi della Brexit, è stato fatto un riepilogo delle informazioni finora diffuse dall’Ufficio Marchi britannico, sul destino dei marchi o modelli europei, già registrati o in corso di registrazione, dopo l’uscita del Regno Unito dall’UE. I titolari di registrazioni per marchi e/o design nell’Unione Europea otterranno automaticamente e senza spese l’emissione di una registrazione similare, con le stesse caratteristiche e date da parte dell’Ufficio Marchi della Gran Bretagna. In caso di no-deal potrebbe esserci un periodo di ritardo nella “clonazione” dei marchi che potrebbe generare incertezza nel caso si stia facendo valere in giudizio il proprio marchio o siano in corso azioni di difesa.

25/03/2020
Nelle prossime settimane, tutte le aziende, in maniera diversa a seconda dei settori, si troveranno di fronte ad un crollo del fatturato, e degli incassi. La prima conseguenza è ch...

23/03/2020
Verona, 23 marzo 2020. Ultimo decreto Conte, sono molte le imprese in dubbio sulla possibilità di mantenere la produzione o dovere sospendere l’attività poiché non conoscono i...

20/03/2020
Verona, 20 marzo 2020. In seguito all’emergenza epidemiologica legata alla diffusione del Covid-19, la Camera di Commercio di Verona ha modificato i regolamenti di due suoi bandi:...

19/03/2020
Verona, 19 marzo 2020. Sono 5.432 gli esercizi commerciali e dei servizi alla persona, al cui interno lavorano 16.704 dipendenti, che restano aperti in base al decreto del Governo...

16/03/2020
Verona, 16 marzo 2020. Coronavirus, la Camera di Commercio informa le imprese e gli altri utenti sulle nuove modalità di accesso ai servizi individuate per far fronte al contenimen...

26/02/2020
Verona, 26 febbraio 2020. “Ottima l’organizzazione sanitaria, ma sul fronte della gestione delle ripercussioni economiche c’é ancora molto da fare. Le aziende che organizzano il la...

03/02/2020
Verona, 3 febbraio 2020. Collaborazione, progetti di sviluppo dell’economia veronese, individuare nuove modalità di crescita del tessuto socio-economico scaligero e una maggior int...

17/01/2020
Verona, 17 gennaio 2020. Gestione della crisi, la Camera di Commercio approda a Caprino Veronese il 22 gennaio dalle 17.00 alle 19.00 presso la Sala Barchessa di Palazzo Carlotti -...

08/01/2020
Verona, 8 gennaio 2020. In Italia nel 2018 si sono registrati 10.548 fallimenti: a Verona 250 tra fallimenti e concordati preventivi e 245 nel 2019.
“Si stima che se tali situazi...